Benvenuto su Area Senior   Accedi Registrati 



News

30 mar

Gli anziani ricoverati pagheranno l'IMU più alta Mi piace (990)

Inserito in: ATTUALITÀ

Per gli anziani che risiedono in una casa di riposo, la proprietà viene valutata come una seconda casa.

 

Secondo l'articolo 13 del decreto "Salva Italia" anche gli anziani che sono ricoverati in modo permanente presso le case di riposo e lasciano la loro casa inabitata, devono pagare l'IMU (l'imposta municipale unica o tassa sull'immobile). Non solo. La casa inabitata in questo caso, non sarà considerata come una prima, ma come una seconda abitazione, con una percentuale per il calcolo dell'imposta quasi raddoppiata dal 4 per mille al 7,6 per mille.

Tutti gli altri cittadini che però possiedono una casa ma hanno la residenza altrove, non si trovano a dover pagare la versione più cara dell'IMU. E' una situazione molto sfavorevole che purtroppo si riversa principalmente sui ricoverati in via permanente, che in Italia sono circa 30.000.

A meno che non cambi qualcosa, queste persone si ritroveranno a dover pagare parecchi soldi in più, ovviamente da aggiungere a quelli delle rette per le case di riposo. L'eco della notizia sta comunque già agitando parecchi rappresentanti sindacali e regionali che dichiarano inappropriato un provvedimento che valuti una struttura socio-sanitaria in cui ci si stabilisce per ragioni di salute come una casa per le vacanze.

Ad oggi, l'ultima decisione potrebbe spettare all'Amministrazione comunale che è in grado di decidere diversamente (e quindi consentire che essi si rifacciano alla percentuale della prima casa), adottando tutte le agevolazioni che un tempo erano già previste per l'ICI.

 

 

Ultimi commenti

Se così fosse sarebbe veramento una vergogna! Forse sarebbe il caso, ance se l'anziano è ricoverato, di mantenere la residenza dove l'aveva in precedenza. Pensiamoci

Commento inserito da FIORENZA GIOVANNA il 06/05/2012

Segnala abuso

Effettua il login*

* per inserire un commento devi essere un utente registrato. Se non lo sei registrati ora