Benvenuto su Area Senior   Accedi Registrati 



News

13 mar

AARP: la forza di una community Mi piace (1197)

Inserito in: ESTERO

Negli Stati Uniti 
gli over hanno capito da tempo che per cambiare le cose e far sentire la propria voce bisogna fare gruppo. AARP, che conta circa 40 milioni di iscritti, è la più importante associazione del suo genere e si occupa delle principali tematiche senior, dal lifestyle alle malattie. L’Italia, invece, in questo ambito sembra molto in ritardo

AARP (American Association of Retired People) è un’organizzazione americana indipendente e senza scopo di lucro, fondata nel 1958, che aiuta le persone dai 50 anni in su a migliorare le condizioni della propria vita. Il numero degli iscritti a questa associazione con sede a Washington, DC ha raggiunto quota 40 milioni di membri e ha uffici dislocati in tutti gli Stati Uniti, mentre di norma organismi di questo genere hanno un carattere locale e regionale. AARP rappresenta l’organizzazione più grande e importante nel suo genere e porta avanti una sorta di rivoluzione nel modo in cui le persone pensano e vivono dopo i 50 anni, attraverso informazione, supporto e un gran numero di servizi offerti. Anche se il nome dell’associazione fa riferimento al fatto che gli iscritti debbano essere in pensione, circa metà dei membri lavora e un terzo ha meno di 60 anni.
Questa imponente realtà rappresenta una delle principali lobby degli Stati Uniti, capace di dare un indirizzo ben preciso alle questioni che stanno più a cuore ai cittadini della fascia d’età dai 50 anni in su, ma non solo. Può contare su un gran numero di emanazioni, che si prefiggono di apportare ciascuna un contributo alla linea di condotta principale: AARP The Magazine, la rivista bimestrale inviata a tutti i membri; Bullettin Today, che esce invece con cadenza giornaliera; AARP Segunda Juventud, rivista bilingue in inglese e spagnolo; AARP Foundation, che aiuta i più bisognosi, raccoglie fondi in loro favore e conta sull’aiuto di 35mila volontari in tutto il mondo; Divided We Fail, un’iniziativa impegnata nella salvaguardia dei diritti in campo sanitario ed economico; oltre a una serie di enti che si occupano di ricerca, statistiche e delle principali questioni sociali oggetto di dibattito. 
Accogliendo nel proprio bacino d’utenza persone con background completamente diversi, riesce a creare un senso di appartenenza tanto forte proprio perché senza paletti, che potrebbero portare alla disgregazione del gruppo. Dunque, leggeranno la rivista o visiteranno il sito over dai 50 ai 90 anni (e non solo), individui più o meno abbienti, colti e non, perché i temi trattati, ovvero salute, risparmi, alimentazione, malattie, prevenzione, lifestyle, interessano proprio tutti.

Ultimi commenti
Effettua il login*

* per inserire un commento devi essere un utente registrato. Se non lo sei registrati ora